09/08/15

SISTEMI DI RIFERIMENTO

Ciao Nino ti scrivo per informarti sull'ultimissimo metodo di gioco che hai postato il 17 luglio: 7 giorni di gioco di un paio d'ore in reale su Winga con l'alternanza di vari croupiers, quindi mani differenti. Totale vinto circa 500 pezzi (gioco da 10 centesimi con cassa da 1000 pz),vado a due vincite poi numeri nuovi, scoperto mai sopra i 50 pz e mai perso (finora). Hanno provato con la storia della puntata non registrata per problemi tecnici una decina di volte (nota che io ho messo la fibra!!!) e mi puzza un po', puntate perse perche' non potute giocare ma comunque tutto bene lo stesso. Io imperterrito!! Me le hanno pagate in fretta con l'uscita nella ricostruzione sulla sestina. Ieri sera mi sono particolarmente divertito perche' in 40 spin hanno fatto uscire 5 zeri naturalmente puntati. Il sesto zero uscito poco dopo l'ho perso perche' non puntato, avevo fatto una vincita che e' rimasta puntata in automatico e nella ricostruzione mi son dimenticato di puntarlo. Sono consapevole che arrivera' la killer ma intanto condivido con te questo godimento che potrebbe essere piu' grande se fossi piu' bravo a fare i calcoli con la montante, sbaglio perche' a volte con una vincita recupero solo lo scoperto, con qualcosa in piu' avrei avuto l'incasso. Volevo provare anche sul nuovo schema che mi hai mandato con tre giocatori ma non riesco a capire come aprono i giochi e su cosa devo puntare. Grazie per l'attenzione, un caro saluto

La nuova visione sul gioco della roulette comincia a dare i suoi frutti. Questa mail proviene da uno dei pochi che hanno ricevuto le nuove indicazioni su come dev'essere un proficuo approccio ai numeri casuali prodotti dalla roulette (e forse in futuro prodotti non solo dalla roulette). L'amico non è in possesso della tecnica (per il momento) finale, ma già ne possiede le basi.

Che cosa fa il classico sistemista? Come si svolge un classico sistema che ricerchi la vincita in un continuo di permanenza, o in una selezione del colpo, o che ricerchi l'equilibrio o lo scarto? La risposta è: riparte ogni volta da capo perchè la conclusione del suo gioco ha esaurito un'aspettativa che può essere matematica, statistica o di configurazione visiva.

Ma cosa succede a lungo andare nelle sue molteplici partite? A lungo andare non tutte le configurazioni, o le statistiche, o le tendenze, saranno alla "portata della sua cassa" perchè non sempre tutti i "disegni" ricercati si concretizzeranno nelle fasi iniziali della partita. Ecco che allora la sostenibilità del gioco assume molta importanza perchè riguarda la condotta del sistemista nella totalità del gioco stesso. Ne risulta un gioco noioso, stressante, costellato di stop loss e stop win e non sarà mai divertente e costantemente remunerativo.

Quando nei precedenti post e nel precedente SISTEMA ZANTIFLORE parlavo di nuovi obiettivi, non avevo ancora chiaro il concetto di questi nuovi obiettivi. Intuivo che se non si cambia l'oggetto dei nostri attacchi, tutti i nostri tentativi saranno sempre soggetti allo scarto sugli esiti e che la partita killer aspetta pazientemente il suo turno. Il difetto di queste tecniche è che vi è un unico "sistema di riferimento" e una volta realizzatosi l'evento, il tutto dovrà essere ricostruito. In pratica questo è fatto anche da quelli che giocano su permanenza continua alla ricerca delle frequenze di particolari figure sulle Semplici. Una volta ottenuta la frequenza, il sistemista ne ricercherà una nuova sull'unico "sistema di riferimento" che coinvolge tutto il "campo di gioco".

La nuova innovazione (scusate il bisticcio di parole) consiste nel creare diversi "sistemi di riferimento" indipendenti e, una volta ottenuto lo scopo su di uno, gli altri proseguono la loro strada evitando così di vanificare le loro maturazioni che nel frattempo sono maturate (a ridaiie con i bisticci di parole).

Questa è una sorta di "moltiplicazione degli eventi" che, a differenza di quella generalmente conosciuta sulle Semplici, si riferisce ai "sistemi di riferimento" che si possono creare sul campo di gioco. Ottenuta questa moltiplicazione, si avranno sei campi di gioco e le loro combinazioni, assieme al modo di essere giocati, eviteranno grandi scarti per ognuno di essi.

Questo è un nuovo approccio al gioco della roulette che differisce da una mia precedente condotta risalente agli anni '80. Allora dividevo il tappeto in vari settori, ognuno dei quali doveva dare la propria configurazione statistica. Inevitabilmente uno o due settori si mettevano in scarto negativo e si rimangiavano l'acquisito degli altri, più la cassa. Il gioco non è durato più di qualche seduta al Casinò di Venezia. Allora non c'era Internet e non si potevano provare i giochi con poche decine di Euro. Ora ciò non può avvenire, sia perchè il sistema di riferimento vincente rientra in gioco, sia perchè al suo interno si ricerca una particolare configurazione giocabile che non sempre si forma prima delle altre possibili. Ne risulta un gioco che a volte si allarga a più sistemi di riferimento e a volte si riduce a uno o due di questi. A volte (raramente) addirittura non ne da nessuno da giocare. In pratica è come se si ricercasse una condizione di scarto negativo su una Chance Semplice, per poi attaccare il suo rientro e se questo non avviene nei dovuti modi, l'attacco è abbandonato. La differenza è che con la Chance Semplice abbiamo un solo "sistema di riferimento" mentre con questo gioco ne abbiamo tre.

Faccio questo gioco (molto divertente) da un paio di settimane con un capitale di 500 pezzi. Non sono mai saltato pur arrivando alcune volte all'ultima puntata della cassa a causa di aumenti forzati nelle puntate. Ciò nonostante, sembra che la resistenza elusiva della roulette non abbia la forza di superare i 500 pezzi della mia cassa. Mi rendo conto che l'ultima possibilità dipende da un solo spin e che può benissimo sortire un numero perdente. Resta il fatto che ciò non è mai avvenuto e i tre sistemi di riferimento sono in grado di rimontare lo scoperto e arrivare sempre all'utile generale.

Poi io ho una sana abitudine: ogni volta che ottengo un utile superiore ai 10 pezzi, esco dal casinò e rientro con la cassa iniziale. In questo modo non rischio più della cassa dedicata a questo gioco e devo dire che in due settimane l'ho sestuplicata.

Molta importanza ha avuto il ruolo dello zero. Ai tempi antichi non puntavo mai lo zero. Era un numero al di fuori di uno schema simmetrico e quindi estraneo al gioco. Con gli ultimi sistemi lo punto costantemente quando sono in gioco con il sistema base e molte volte mi ha tolto dagli impicci. Molte volte mi ha regalato utili in più e qualche altra volta mi è costato tutte le masse su di lui puntate, ma comunque recuperate con il sistema base. Morale della favola: ho sempre vinto, con o senza il suo aiuto. Io lo punto costantemente e devo dire che da "nemico" lo zero è diventato il mio miglior amico. Non importa se in qualche sessione è totalmente mancato; le sue puntate sono sempre state recuperate con il gioco base. Può mancare per un'intera sessione, ma per le restanti è un continuo incremento di utili che già sono ottenuti con il gioco base. Se giocato in questo modo, penso proprio che lo zero sia un danno per la Casa e non per il giocatore. Si pagherà sempre il 2,70% di tassa che in questo caso deriva dalla non equità del pagamento, ma se il gioco base ha una resa maggiore, il problema è risolto.


Per ora sto terminando di scrivere il seguito del SISTEMA ZANTIFLORE che penso di chiamarlo ZANTIFLORE IN VETTA (spero non me ne vogliano il Comm. Delaiti e il Sig. Spadini). Per questo sistema non ho ancora i test da Davide che sembra sia in ferie e comunque sempre molto impegnato. Del resto altri testatori più liberi da impegni non riesco a trovarli. In ogni caso il gioco è sicuramente vincente, a parte la difficoltà di esecuzione in certi momenti. In rare occasioni i numeri da puntare possono diventare 15-20 e per puntarli necessita un certo tempo, sia in Casinò terrestri, sia in quelli on-line. Ultimamente ho cambiato la connessione in Internet adottando la fibra, ma l'inconveniante delle disconnessioni non è terminato. Ieri sera sono stato disconnesso due volte con la scusa dell'errore interno e che il server non risponde. Da cosa dipenderà? Veramente dal server, o da altro...? La differenza con i precedenti giochi è che con quello che sto facendo ora, il mancato incasso da un sistema di riferimento non ha molta importanza. Non faccio altro che cancellarlo, ricostruire la partenza e proseguire il puntamento su di esso, sempre che la nuova configurazione sia accettabile.

Concludendo, non ho mai trovato un gioco più tranquillo. Non importa se sopravvengono gli allargamenti. Non mi preoccupo affatto perchè so che i tre sistemi di riferimento chiuderanno uno alla volta, chi prima e chi dopo. Non serve fare aumenti azzardati perchè ogni sistema di riferimento ha il suo tempo e non necessita di grandi sostenibilità. E' veramente un gioco che rivoluzionerà la roulette.

Dopo il ZANTIFLORE IN VETTA comincierò la sua stesura cercando di definirlo con comportamenti sempre uguali.

Vai al Sito.

Se uno va al Casinò una volta nella vita, può essere fortunato. Se ci va con una certa regolarità, per lui la fortuna non esiste.
(Compra Italiano; proteggi il tuo Paese e la tua famiglia)



17/07/15

AGGIORNAMENTO

Sono passati alcuni giorni e ho continuato a fare in reale la modifica che ho condiviso con voi. A parte qualche inconveniente, dovuto alla mancata accettazione delle puntate da parte del casinò on line (ora sono passato alla fibra e vedrò se lo fa ancora), il gioco è andato bene, anche se ho trovato anch'io per la prima volta una partita che non ha chiuso una configurazione primaria in 18 spin. Ha chiuso la prima vincita al 23° spin e la seconda al 24°. Anche uno di voi mi ha avvertito di aver trovato 18 spin senza chiusure primarie, ma questo già lo potevamo presumere e quindi in questi sporadici casi si dovrebbe proseguire il gioco oltre i 18 spin sostenendolo un po' di più. Le chiusure alla fine arrivano ed è solo una questione di sostenibilità. Ci sarà un maggior impegno della montante.
Nel mio caso questa è stata la permanenza che ho incontrato: 29 2 2 15 10 7 21 27 26 13. Qui ho iniziato il gioco con lo zero e 3 carrè. 10 22 24 Quì ho recuperato con il carrè da 2 pezzi. 5 qui ho recuperato con il carrè. 33 35 19 16 31 9 27 4 17+ Quì ho preso il pieno e Cavallo chiudendo la terza Sestina. 23 qui ho preso il secondo pieno e Cavallo chiudendo la quarta Sestina. A questo punto ero scoperto di circa 100 pezzi che ho recuperato con le successive partite. Anche se questa per me è stata la prima volta, ogni tanto queste partite si incontrano e allora bisogna sostenere il gioco con un adeguato impegno di cassa.

Inoltre non dimenticatevi di puntare sempre lo zero. Se dobbiamo pagare la tassa, preferisco pagarla in modo che quando esce lo zero mi ripaghi di quanto ho impegnato con lui e che mi faccia recuperare lo scoperto della partita. Lo zero esce in media ogni 37 spin da noi giocati e io mi regolo anche in tal senso. Non ci si scappa. Facendo un gioco sui pieni, la sua puntata è facilmente assorbita dagli incassi degli altri pieni, e molte volte la sua sortita ci toglie dai momenti difficili.

Ultimamente applico il gioco in questo modo: Il primo colpo lo faccio con le puntate allargate sui Carrè. Poi punto i Cavalli che comprendono gli altri numeri della Sestina. Se per esempio l'apertura è sui numeri 25 28 e 30, punto il cavallo 25/28 e il Cavallo 27/30 da 1. Poi ci inserisco il carrè 26/30 così tutta la Sestina è coperta e un suo numero diverso da quelli che chiudono la configurazione primaria, mi fa recuperare 9 o 18 pezzi del puntato. Poi se la chiusura ritarda, punto i pieni e li incremento con il passare degli spin se la vincita non arriva. Quando prendo pieno e cavallo, ho in più l'utile del cavallo.

Non è un sistema. E' un gioco che deve essere condotto con l'esperienza e con l'osservazione dello sviluppo del momento. Gli incrementi non vanno fatti in modo dissennato, ma sempre prevedendo la possibilità che la vincita ritardi.

Come vi ho già detto, non attaccate mai prima dei 9 spin della partenza ottimale e se non ci sono almeno 3 Sestine aperte. Non importa se vi passano davanti vincite non giocate. L'importante è avere meno colpi possibili da giocare per arrivare alle chiusure. Andate alla seconda chiusura solo se le restanti Sestine in gioco dopo la prima vincita sono almeno 3. Se non ci sono potete cominciare una nuova partita o aspettare lo sviluppo di quella in corso e vedere se se ne formano di nuove. Se diventano 3 o 4 potete continuare la partita e cercare una seconda vincita. Dovete appropriarvi del gioco e farlo vostro con l'esperienza.

Io ho sempre utilizzato 500 pezzi e non sono mai saltato, ma la cassa giusta sarebbe di 1000. Il gioco comunque rende in un paio d'ore sui 100 pezzi senza neanche forzare molto le puntate. E' chiaro che se prendete un pieno e il suo cavallo, incassate anche un buon utile. Dipende da quanto era il pieno che è quello che deve recuperare tutto lo scoperto. Il cavallo è un di più e serve a recuperare qualcosa in caso il numero vinto non sia uno di quelli della chiusura.

ATTENZIONE: questo non è un sistema. E' solo la condivisione di un modo di giocare, redditizio e divertente se funziona. I pericoli sono l'allargamento delle aperture primarie alle 6 Sestine e il calore continuato su Sestine già chiuse. Il rimedio è la limitazione della risalita (risalire di pochi spin) e l'accettazione dell'attacco con le partenze ottimali. Se la permanenza staziona molto su Sestine già chiuse, faremmo puntate a vuoto.

Non è assolutamente un gioco che abbia la pretesa di vincere sempre, perchè prima o poi incontrerà la sua figura contraria nei 18 spin. Però credo che, oltre questo limite, due chiusure ci siano sempre al massimo entro i 24 spin. La difficoltà è l'allargamento delle puntate e naturalmente il ritardo delle chiusure.

Da due giorni sto provando un nuovo modo di attaccare questo gioco.
Aspetto la chiusura fittizia di una Sestina e poi risalgo sui numeri di quella Sestina ricostruendo solo su di essa una nuova apertura. Le altre Sestine che non hanno ottenuto la chiusura continuano i loro inserimenti. A questo punto, se sono passati i 9 spin della partenza ottimale, attacco il gioco su quella Sestina. Questo lo si fa per tutte e sei le sestine. Ogni volta che una Sestina chiude, si risale solo su quella e si ricostruisce l'apertura attaccandola, anche ripetutamente per più volte. Naturalmente, con questa procedura il gioco alla fine si allarga su tutte e sei le Sestine e quindi io vado soltanto a due vincite e poi riparto da capo con l'inserimento di numeri nuovi. In questo modo andiamo a giocare sulle Sestine in calore e non attacchiamo Sestine che si aprono ma non chiudono già in partenza, facendoci sprecare inutilmente puntate a vuoto. In questo modo non si gioca su quelle Sestine che sono in ritardo e si va per forza a giocare su quelle che escono più delle altre. Si dovrebbe risparmiare molte puntate che invece prima si facevano anche su quelle destinate al ritardo già dalla prima apertura.
Gioco da provare, perchè l'idea mi è venuta pochi giorni fa. Io continuerò a provarlo per i prossimi giorni e vediamo cosa succede.


Nel frattempo ho ricevuto questa mail che dimostra come si può giocare e modificare quanto a suo tempo da me proposto con altri giochi.

Ciao Nino,
sarei felice di ricevere lo schema per la variazione di approccio sul tuo ultimo sistema. A dire il vero il Sistema Zantiflore non l’ho mai giocato in reale, me lo tengo lì come un tesoretto da sfruttare più avanti, pur avendone sperimentato e appreso i meccanismi.
Questo perché non riesco a staccarmi dall’Over the top parte III, con cui ho sempre vinto, tranne piccole cifre causate da miei azzardi (ovvero dalla violazione di una delle tue raccomandazioni più sacrosante e più difficili da seguire: quella di fermarsi alla prima vincita senza farsi ingolosire).
Lo gioco come indicato da te, partendo sempre da quattro aperture, parto con tre solo dopo almeno 13-14 spin, gioco per due spin i cavalli, poi passo direttamente ai pieni.
So che prima o poi capiterà la partita “disgraziata”, quella in cui c’è una assenza totale delle spezzate, ma nel frattempo di module ne ho guadagnate 6-7, quindi...
In effetti le statistiche che hai pubblicato parlano all’incirca del 5% di assenza per le singole spezzate, ciò si traduce in una (teorica) assenza contemporaneadelle due nello 0,25% (fermo restando che dovrebbe mancare anche lo zero, che una partita lunga secondo me va giocato) in soldoni si dovrebbero vincere 997,5 partite su mille, se la matematica (per la quale ho propensione ma non studi approfonditi) non mi inganna (tempo fa in un ciclo di 36 ho incontrato la totale assenza delle figure 1/0 1/1, in compenso erano presenti quattro 0/1).
Ho provato anche a giocare col filotto di cinque, giocando lo zero solo a partire all’aumento della montante; un mix con l’Over the Top parte I insomma.
So che lo sconsigli, ma è molto divertente e di norma chiude presto, però può portare talvolta a esposizioni importanti.
Poco male, mi faccio esperienza acquistando sicurezza a poco prezzo visto che al momento gioco ancora i 10 cent, comincerò a giocare sul serio dopo l’estate, quando avrò bisogno di incrementare le entrate di casa, causa università di mio figlio.
A risentirci e ... grazie ancora per tutto


Sono queste le mail che mi spronano a continuare la mia attività. Non mi interessano commenti e critiche di persone che non danno nulla, ma che cercano solo di sostenersi fra loro con denigrazioni gratuite e che non corrispondono alla realtà delle mie intenzioni.


Vai al Sito.

Se uno va al Casinò una volta nella vita, può essere fortunato. Se ci va con una certa regolarità, per lui la fortuna non esiste.
(Compra Italiano; proteggi il tuo Paese e i tuoi figli)






12/07/15

EVOLUZIONI

Nel post del 15/6 ho suggerito una modifica del gioco a tutti coloro che possiedono il SISTEMA ZANTIFLORE. L'ho proposto perchè, nell'attesa di iniziare il gioco del nuovo sistema che sto ancora scrivendo e per il quale necessita una partenza ottimale di 36 spin, per non annoiarmi, avevo iniziato a provare le sole configurazioni primarie orizzontali, escludendo quindi quelle verticali. Sapete che provo realmente tutte le idee che reputo valide; a volte con esiti negativi e a volte con esiti positivi.

Ebbene, questa idea è stata sempre positiva, però nel tempo si è modificata e sono giunto alla convinzione che questo è diventato un gioco molto valido, di breve durata, e di buona resa. In un paio d'ore si raggiungono i 100 pezzi.

La proposta era quella di giocare sulle sole configurazioni primarie orizzontali e di sfruttarle fino a tre vincite con una montante più leggera della riduzione logica. Ho proposto l'attacco iniziale con puntate allargate, in modo di diminuire la scalata della montante nel casi di un ritardo delle vincite. A forza di giocarci ho affinato i comportamenti più adatti a questo gioco.

Ho fatto caso che tutte le partite impegnative derivavano dal fatto che, dopo la prima vincita, proseguivo sempre la partita per una seconda e anche per una terza vincita se il primo incasso non aveva ottenuto un utile apprezzabile. Oltre che un utile apprezzabile, volevo restare basso con le puntate per restare basso con lo scoperto e arrivare all'utile con le tre chiusure proposte nel precedente post. Molte volte la seconda e la terza chiusura scadevano presto e non c'erano problemi. In alcuni casi, però, la seconda e la terza chiusura si distanziavano fra loro perchè la Sestina appena chiusa entrava in calore. Poi sortivano numeri delle Sestine non in gioco e numeri di quelle in gioco, ma che allargavano le puntate perchè non erano quelli puntati. Alla fine le chiusure arrivavano, ma lo scoperto in alcuni casi è arrivato anche a -450 pezzi. A quel livello di puntate, sarebbero bastati uno o due ulteriori colpi perdenti per saltare della cassa impegnata (500 pezzi).

Nonostante fossi consapevole che la continuazione della partita anche oltre la prima vincita fosse un rischio che a lungo andare mi avrebbe portato al salto della cassa, la mia indole di giocatore sperava sempre che il colpo dopo sarebbe stato quello vincente. Il colpo vincente è sempre arrivato, ma ho rischiato più volte il salto e, alla fine, mi sono convinto che la migliore difesa è la prudenza. Non importa se vedi partite che avrebbero continuato a vincere. Questo è "l'amo" che la roulette ti lancia affinchè tu ti crei il comportamento che alla fine ti fa perdere. Purtroppo questo comportamento è comune alla maggioranza dei giocatori, casuali ma anche sistemisti. La causa di questo comportamento deriva anche dal fatto che in alcuni casi una ricostruzione del gioco implica una perdita di tempo e se l'incasso appena ottenuto non recupera tutto lo scoperto, sei fortemente tentato di risolvere il tutto nella stessa partita con i successivi incassi, che invece possono arrivare tanto tardi da causare una forte scalata della montante o affirittura farti saltare con la cassa.

A questo punto mi sono imposto delle regole:
1°) Non proseguire la partita dopo il primo incasso che ha dato un utile.
2°) Proseguire la partita solo se non si è in utile e se le restanti Sestine aperte sono almeno quattro. In questo caso la Sestina esclusa è solo una (quella appena chiusa) e di Sestine non ancora aperte ne resta soltanto una. La seconda chiusura non dovrebbe tardare.
3°) Non iniziare l'attacco se non sono passati 9 spin senza chiusure. Questa è la partenza ottimale che ci fa risparmiare puntate a vuoto se si iniziasse l'attacco troppo presto. Quelli che hanno una maggiore pazienza possono aspettare anche 12 spin. Naturalmente si vedranno passare chiusure non giocate, ma ciò eviterà partenze premature. Se entro i 9 spin ( o i 12) scade una chiusura, si fa una risalita "su misura" e si inseriscono numeri nuovi in modo di utilizzare tutte le aperture possibili nei 9 o 12 spin della partenza ottimale.
4°) Non iniziare l'attacco se non ci sono almeno 3 Sestine aperte. L'apertura su una sola Sestina o due non è un allargamento sufficiente di aperture. Ce ne vogliono almeno 3 e meglio se le altre Sestine hanno almeno un inserimento, in modo che possano entrare in gioco in pochi colpi. Quindi, osservare sempre lo sviluppo della partenza ottimale minima di 9 colpi. Si presume che ci sia sempre (finora) almeno una chiusura entro i 18 spin e quindi più si ritarda l'attacco, meno colpi restano per ottenere la vincita.
5°) Poichè il pericolo è la continuazione della partita dopo la prima chiusura, l'opzione è andare alla prima vincita, chiudere la partita e incominciarne un'altra con la risalita e se occorre con numeri nuovi. In pratica si faranno tante partite seguendo sempre la montante come se fosse una partita unica. Si dovrà però superare quel problema psicologico delle eventuali attese fra una partita e la successiva. Restare scoperti da una partita non è facile da accettare, ma se considerate il fatto, questo comportamento è simile a quello che facevano i contatori di carte al Black Jack. Poichè la maggioranza delle partite chiudono entro i 12-13 spin, la maggioranza degli attacchi sarà vincente e quindi sarà facile recuperare un eventuale scoperto lasciato da una precedente partita. Questo è un comportamento diverso da quello che applico io attualmente, ma è un'idea che potrebbe funzionare. Sta a voi provarla.

Finora non ho incontrato un'intera partita di 18 spin senza che vi sia almeno una chiusura. Non è escluso però che prima o poi la si incontri e per questo farò fare un test per sapere se se ne possono trovare e quante. In fin dei conti 18 spin sono 3 cicli logici sulle Sestine e le Sestine sono 6. Come dovrebbero disporsi i 18 numeri per non produrre una chiusura?

Certamente i "matematici" e altri sostenitori dei test su miliardi di spin, dopo aver trovato che una partita non chiude in un test di 50 milioni di spin, decreteranno che il gioco è perdente.

Hanno ragione: 49 milioni e 999 mila 999 partite hanno chiuso, però una non ha chiuso. Ho realizzato un utile di 50.000 pezzi e purtroppo ne ho persi 1000 nella partita che non ha chiuso. IL GIOCO HA FALLITO. Porca miseria non posso fare questo gioco perchè i test hanno trovato una partita perdente e quindi non lo definiscono come sicuramente sempre vincente.

MA CHE CAZZ...!!!

Il fatto è che alla gente non interessa l'evoluzione delle scoperte o dei metodi che possono migliorare il risultato del gioco. A loro interessa solo un sistema che sia vincente e che gli dia da guadagnarsi da vivere per il resto della loro vita. Per questo sono disposti a spendere anche 29,99 dollari, richiedendone la restituzione se il gioco fallisce; magari anche per una sola volta? Queste sono le notizie provenienti da oltre oceano.

Forse ho esagerato; voi che ne dite?

Ma tornando a noi, tutti i possessori del SISTEMA ZANTIFLORE possono richiedermi lo schema di gioco con il nuovo abbinamento delle Sestine nel caso volessero andare a due vincite nella partita. Mai andare alla terza. Con questo schema ci sono 3 giocatori che giocano ognuno su un settore con due Sestine abbinate e quando uno dei tre chiude, vengono eliminate dal gioco le due Sestine che fanno parte di quel settore. Poi si prosegue il gioco sugli altri due settori che contengono le altre 4 Sestine. Non si gioca mai sull'ultimo settore rimasto aperto.

Tutto ciò potrebbe anche essere tramutato in sistema, ma per il momento lo propongo solo a voi che già conoscete le configurazioni primarie e i loro vantaggi. Gradirei le vostre osservazioni su questo attacco e se ne avete, delle idee per migliorarlo.

Vai al Sito.

Se uno va al Casinò una volta nella vita, può essere fortunato. Se ci va con una certa regolarità, per lui la fortuna non esiste.
(Compra Italiano; proteggi il tuo Paese e i tuoi figli)




18/06/15

CONSIDERAZIONI

Ogni tanto faccio qualche giretto nei Forum e ultimamente ho trovato un thread con delle discussioni degne di essere esaminate, anche perchè mi riguardano.

L'argomento si svolge sul come vengono affrontate le questioni che riguardano uno studio per vincere alla roulette. Essendo questo un Blog (spazio in cui uno dice ciò che pensa) mi diverto ad analizzare parte di quanto è stato postato nel thread. Questo è il post iniziale intitolato “Considerazioni sui sistemi vincenti, sui milioni di colpi e sulla casualità del generatore”.

TUTTI i sistemi conosciuti (il maiuscolo è causale) sono uguali al gioco del comunista, leggi giocare a caso. Marigny, zantiflore, papi e tutte le interpretazioni conosciute di Alost, nonché i cicli chiari di Sadia. Su quest’affermazione non si discute. Nessun vantaggio selettivo, nessuna vincita a massa pari, nessuna riduzione degli scarti.

Per quanto riguarda Marigny, Papi, D'Alost, Sadia, non ho osservazioni da fare. Per quanto riguarda Zantiflore, direi che fra i suoi vari vantaggi selettivi qualcuno è interessante, anche se le varie possibilità di sviluppo a volte diventano insostenibili (anche qui bisogna vedere con quale cassa e con quale conduzione). Per quanto riguarda la vincita a massa pari, non l'ha mai presa in considerazione perchè sarebbe penalizzata dalla simmetria con il banco. Per quanto riguarda la riduzione degli scarti, anche questa non l'ha mai presa in considerazione perchè non rientra nei suoi metodi di studio e oltretutto ci può sempre essere lo scarto che supera il precedente. Inoltre, quanto dura il rientro? Lo scarto può aumentare sempre più, intervallato da piccoli rientri prima di rientrare definitivamente.

I casi sono 2:
    1) la roulette è un generatore casuale perfetto.
    Dimostrare che esistono tecniche che possono ricavare eventi (leggi previsioni) in grado di discostarsi dalla casualità (anche saltare meno spesso del previsto dalle leggi della probabilità è discostarsi dalla casualità) sarebbe un evento di risonanza planetaria, sconfesserebbe tutta la matematica e le conoscenze finora raggiunte. Un evento nell’evoluzione dell’uomo più determinante dell’invenzione della ruota e del fuoco. Il buon Albert E, comparato allo studioso di turno sarebbe un bambinetto di prima età scolare cui viene assegnato il sostegno.

La roulette è un generatore casuale ed è proprio per questo che si possono ricavare eventi prevedibili. Se non lo fosse, non si potrebbe ricavare niente perchè non si saprebbe quali eventi si realizzerebbero. Se poi sia perfetto, è una questione che riguarda il suo stato fisico. Se invece facesse sempre gli stessi eventi, non sarebbe più casuale. E' la casualità che determina gli eventi prevedibili e basta soltanto saperli individuare. Non serve Einstain ma solo una buona dose di osservazione e combinazione degli eventi. La matematica c'entra poco, c'entra la statistica e il numero delle prove effettuate sempre nelle stesse condizioni all'interno di un ciclo chiuso; meglio se “quantizzato”. Zantiflore l'ha chiamata “spettanza probabilistica visiva”.

    2) la roulette NON è un generatore casuale perfetto.
    Dimostrare che esistono tecniche che possono indurre la roulette a non agire da casuale, avrebbe una risonanza enorme (non come il 1° caso ovviamente). In tutto il mondo si parlerebbe della scoperta; l’autore diventerebbe ricco e famoso in pochi giorni.

Come può una tecnica indurre la roulette a non agire da casuale? Lo si può fare solo truccandola e ciò non ha niente a che fare con il fatto se la roulette sia o non sia un generatore casuale perfetto. Quale tecnica potrebbe indurre la roulette a non agire casualmente? La telecinesi? Forse dovresti sostituire “tecniche” con “studi” e “indurre” con “capire che la roulette non agisce da casuale”. Questo avrebbe un senso.

    Come si definisce se un sistema è casuale o meno? Si agisce secondo i parametri della scienza, non secondo il blaterale degli illusi.

Credo volesse dire “se un sistema è valido o meno”. Se è un sistema, come può essere casuale? A meno che tu non intendessi per “sistema” la roulette stessa, nel qual caso non si concorda con il resto della frase.

    Sono stati effettuati test comparativi su tutti i sistemi conosciuti, Zantiflore del libro “la fine dell’azzardo” compreso. I test venivano effettuati nel seguente modo (parliamo ad esempio di Marigny, chances semplici, ma lo stesso concetto si applica alle multiple). Un programma esamina tutte le permanenze conosciute (e anche quelle generate, in differente sede). Quando il sistema test ricava la previsione, vengono seguite in contemporaneamente 4 casse:
    a) Marigny b) Anti Marigny (il contrario) c) Il comunista (sempre rosso) d) Una chances presa a caso. Il risultato? Assoluta compatibilità dei 4 grafici e perdita finale simile. Chiaramente gli analisti seri eseguono test di vario tipo: riferito alla giornata, riferito a stop in vincita o perdita, casse di sedute, casse generali ecc.. ecc..
    Marigny, Zantiflore, Felixs, Alyette DEL TUTTO UGUALE A GIOCARE A CASO.
    Questo è quello che dicono i veri esperti, questo è quello che dice la scienza ufficiale.

Come si fa ad applicare lo stesso concetto a Semplici e Multiple? E poi, i test sono stati fatti su cicli chiusi o sul continuo della permanenza? Il ciclo chiuso ci da un risultato standard che non devia molto dalla statistica; il continuo della permanenza può dare l'esatto contrario di uno scarto positivo e anche oltre. Naturalmente dipende dalla grandezza delle Chances utilizzate. E poi: si è il test comportato come si comporterebbe un essere umano nelle varie occasioni di gioco? E poi, come fai a dire che i test eseguiti in tutte le parti del mondo sono come quelli da te descritti? Conosci tutti gli analisti e i veri esperti del mondo?

    Ho testato anche le teorie recenti di Nino? Assolutamente no: ho l’attrezzatura mentale necessaria per capire che la cosiddetta legge del terzo non può apportare alcun vantaggio selettivo. Non necessito di testare ogni idea di ogni studioso.

Prima del motore a scoppio si andava a cavallo e nessuno pensava che si potesse viaggiare a 300 Km orari o che si potesse addirittura volare. La Legge del terzo apporta vantaggi selettivi; basta solo trovarli, quindi revisiona la tua attrezzatura mentale perchè c'è qualcosa che non va. Certo non tutto ciò che ho scritto porta alla perfezione, ma dire che non porta a un vantaggio selettivo non corrisponde alla realtà. Sarà una selezione soggetta a scarti negativi, ma comunque c'è. Se non avessi trovato le precedenti ipotesi di gioco, non sarei arrivato dove sono ora. Se si accettano incondizionatamente vecchi postulati, non ci si evolverà mai. Come fai a sapere se uno dei tanti studiosi ha inventato il motore a scoppio, se non esamini tutti i suoi studi fino all'ultimo? Ti annoierai un po' lungo il percorso, ma alla fine arriverai a ciò che l'autore definisce “una grande scoperta”: la vincita costante proprio tramite la Legge del terzo.

    In ogni campo dello scibile, comunque è chi va contro l’opinione diffusa che deve apportare prove, non il contrario. Ovvero chi pensa che una farneticante teoria sia superiore al gioco del comunista non deve dirlo a chiacchiere, ma deve presentare prove, o avere il buon gusto di tacere. In altri termini non devo dimostrare io che ogni pietra non sia filosofale ma, chi pensa di averla (???) deve dimostrare la trasformazione del piombo in oro.

Già il termine “farneticante” indica una convinzione e le convinzioni potrebbero essere sbagliate se non ci si è informati delle evoluzioni avvenute dopo aver maturato la convinzione. Per il fatto delle “prove” hai ragione. Per modificare l'opinione diffusa e i comportamenti che l'hanno prodotta, ci vogliono le prove. Vedrò di accontentare l'opinione diffusa, anche se l'infallibilità la si deduce dal gioco stesso.

    Riguardo l’affermazione da stra-dilettanti allo sbaraglio che non servono i milioni di colpi giocati per testare un sistema (ovviamente il numero di colpi dipende dalla resistenza della montante; per la massa pari ci vogliono molto meno colpi). Immaginiamo che pingo e pallo, dopo 40 anni di studi trovano una selezione + manovra che in 50k colpi risulta vincente. Pingo dice: “che me frega dei milioni di colpi, io nella vita giocherò massimo 50k, vado a giocare domani”. Pallo, ben più furbo, dice: aspetta un momento, io di lavoro faccio il tassista (massimo rispetto per i tassisti, sia chiaro) fammi spendere 4 soldi per una consulenza da un professionista del settore. E va da Tizio e gli espone il suo caso. Tizio essendo una persona molto bene educata, non lo ride in faccia e accetta di fornire consulenza. Programma il sistema, lo lancia per un campione di 100 vite (e sono ancora poche), ovvero 50k x 100 = 5 milioni e mostra i dati a pallo: su 100 persone che giocano tutta la vita, solo 3 chiudono in vincita, le altre 97 perdono tempo e soldi (oltre a immani spese di gestione). Pallo capisce che ha il 3% di probabilità di vincere dopo 50k colpi, prende il sistema e lo usa per gli areoplanini di carta. E’ più furbo il cretingo, pardon, pingo o pallo?
Bella esposizione, ma hai fatto tutto tu. Hai stabilito quanti vincono e quanti perdono. Ciò deriva dal fatto che per te tutti i sistemi sono perdenti? Ma se ce ne fosse uno, che non conosci, di vincente?

Considerazioni finali sulla non casualità del generatore. Sperare che con la legge del terzo (ma quale legge!), si possa entrare nella non casualità del generatore è un controsenso: essa si basa proprio sulla casualità. Tempo perso. E’ possibile che la roulette in alcuni momenti non dimostri casualità perfetta? Sono scettico ma potrebbe essere. Autori contemporanei (matematici) ben più blasonati di me e Tizio, fra cui americani e francesi si sono espressi in tal senso. Oltre ad alcuni indimenticabili grandi del passato. Possono i Theos, i dexter aver trovato questo escamotage? Non penso ma non lo escludo. Meglio dire poco e dire qualcosa di interessante e lasciare speranze e campi di studio aperti che dire tutto e levare ogni speranza. Della serie: “meglio stare zitti e dare l’impressione di essere tonti che parlare e levare ogni dubbio”.

Ho già detto prima che la Legge del terzo è prodotta proprio dalla casualità perfetta. Anche lo scarto più grande è prodotto dalla casualità. Ma secondo te, la casualità può far sortire i 37 numeri diversi in un ciclo chiuso logico? E se ammetti che non lo fa, quali sono i parametri? Se con l'aumentare del numero delle prove effettuate sempre nelle stesse condizioni si raggiunge la media di 24 presenze e 13 assenze, ciò deriva proprio dagli effetti della casualità che non può scegliere quali numeri far sortire nel ciclo logico. La Legge del terzo è proprio “figlia” della casualità. Può deviare di 4-5 o più punti in eccesso o in difetto, ma ciò rientra nelle possibilità statistiche e comunque previste dal principio di Bernoulli con la parola “tende” (presente del verbo tendere, avvicinarsi, raggiungere).

Quello che segue è il seguito di alcuni “cerebro limitati” (senza offesa).

sono d´accordo con oarcane,anche se alcuni personaggi come zantiflore affermano di non aver bisogno di testare miliardi di permanenze,perche´ha vinto per 150 sessioni di gioco:quali altre insane affermazioni saremo costretti a leggere su questo forum?

se parlate della casualita´del generatore roulette a zantiflore,vi dira´che lui e' capace di batterla con il suo ultimo sistema basato sulla legge del terzo:dove arriveremo?

Se io dico che da Marigny a Zantiflore, tutti i sistemi sono uguali al comunista lo dico perchè so quello che dico e, nessuno al mondo può smentirmi con i fatti, con le chiacchiere ok. Chi mi contraddice lo fa solo perchè è ignorante (in materia) o perchè sta in malafede.

Questo signore ha detto bene: dice quello che sa; non può dire quello che non sa e se qualcuno lo contraddice, forse è perchè sa quello che lui non sa. Forse sarebbe meglio non dare dell'ignorante a chi ti contraddice senza sapere quello che sa. Lasciamo stare la malafede perchè implica uno scopo truffaldino. Insomma, uno che a suo tempo avesse detto alla gente: “sapete che ho trovato il modo di spostarci senza cavallo?”, sarebbe stato preso per pazzo o gli avrebbero chiesto come?

Ciao a tutti , Alcuni personaggi che hanno scritto su questo forum tipo: "x y z" sostengono di riuscire a battere la "Roulette" , ed alcuni tipo: A B ed altri sostengono con prove che non è possibile batterla. I primi non portano le prove ma lo sostengono solo a parole, con delle indicazioni generiche tipo giocare solo rosso e nero, che la permanenza và assecondata ecc.ecc. a chi credere ?

Ciao a tutti, io credo che se esiste, la soluzione sia più semplice di quello che si possa pensare, senza togliere nulla ai più esperti. probabilmente loro non sono arrivati alla soluzione, non perché incapaci, pur essendo molto preparati non sono arrivati alla soluzione, probabilmente non hanno avuto l'idea giusta! Io mi chiederei ma qualcuno ci sarà riuscito? questo sarebbe un bel dilemma da risolvere prima di continuare a scervellarci per nulla.

Meno male. Qui ce n'è uno che prima di fare di ogni erba un fascio si chiede se qualcuno è arrivato a qualcosa. Infatti, la soluzione è più semplice di quanto si possa pensare, ma bisogna arrivarci. Non serve la matematica, ma l'osservazione.

Per finire questo divertimento, questa è la mail che ho ricevuto da un amico che ha saputo utilizzare e forse anche modificare qualche mio gioco passato.

Ciao Nino,
stasera mi sono divertito a leggere un forum risalente a fine maggio al quale hai (serenamente) partecipato anche tu. Era pieno zeppo di sapientoni presuntuosi e arroganti ma fortunatamente anche di persone intelligenti e dai ragionamenti per me ineccepibili (in particolare XXY, ABC, e altri), in base alla mia personale esperienza con la ruota e con il tuo approccio.
Ricorderai che la prima volta che ti ho contattato era per esprimerti la solidarietà dopo certi attacchi di un certo utente dal nick XYZ. Una volta ho ritrovato su un forum il modo di giocare di questo XYZ, il quale giocava un sistema (di Alyett se non ricordo male) con pezzi di valore elevato (30/50euro). Però a suo dire entrava in gioco solo quando si verificava una condizione estremamente favorevole, la qual cosa capitava più o meno ogni centinaio di colpi, e così vinceva sempre (gioco deprimente direi). Hai capito con che tipi capita di discutere? E non sto a dire di questi ultimi campioni di incoerenza, irrazionalità e pure malignità, ben messi in riga dai begli interventi di Roberto...che brutto mondo quello dei forum di “professionisti” (per modo di dire) della roulette. Da dilettante grazie ai tuoi giochi non ho mai perso finora, guadagno piccole ma utilissime cifre, e mi diverto pure.

Meno male che qualcuno con i miei sistemi (o modifiche) vince e meno male che qualcuno capisce la "fossilizzazione" di intelligenze non pienamente utilizzate. A questi signori direi che prima di parlare dovrebbero prima conoscere le possibili evoluzioni di chi si impegna in prima persona nel divulgare possibili soluzioni, anche se non sempre perfette e, anzi, alla lunga perdenti su milioni di spin. Ma come ho detto nel precedente post, se con un utile totale di 10.000 pezzi ne perdo 1000 in una partita, forse il gioco vale la candela. O NO...!!!

Vai al Sito.

Se uno va al Casinò una volta nella vita, può essere fortunato. Se ci va con una certa regolarità, per lui la fortuna non esiste.
(Compra Italiano; proteggi il tuo Paese e i tuoi figli)







15/06/15

PRECISAZIONI

Nel precedente post ho paragonato un contatore di carte del Black Jack a un sistemista di roulette che, avendo un gioco in cui si susseguono molte partite vincenti, può adottare una sorta di stop loss che limiti le perdite di quelle rare partite perdenti, per poi recuperare il tutto con le molte partite vincenti. Il paragone è nato da un'interpretazione di quanto mi aveva descritto un amico ex contatore di carte al B.J. Questo era il concetto, ma prontamente il mio amico mi ha corretto. Queste sono le sue mail.

Prima mail.
IL CONTATORE DI CARTE AL BLACK JACK NON POTRA´ MAI PERDERE IL CAPITALE IN UNA SEDUTA, PERCHE´LE PUNTATE PIU´ ALTE VENGONO EFFETTUATE SOLO QUANDO IL GIOCATORE HA UN VANTAGGIO MATEMATICO, MENTRE IL GIOCATORE DI ROULETTE PERDERA´ INESORABILMENTE TUTTO IL CAPITALE RICHIESTO DAL SISTEMA IN UNA SOLA SEDUTA IN CUI IL SISTEMA SALTI.
A PARTE QUESTO,IL CONTATORE DI CARTE AL BLACK JACK UTILIZZA LO STOP-LOSS O LO STOP-WIN SOLO PER FINI CHE IO DEFINIREI "TERAPEUTICI", MA MAI COME STRUMENTO NECESSARIO PER OTTENERE UN UTILE SUL LUNGO TERMINE.

Seconda mail.
PER FINI TERAPEUTICI INTENDO CHE, DATO CHE I CASINO´ SANNO CHE UN PROFESSIONISTA DI BLACK JACK PUO´ OTTENERE UN VANTAGGIO MATEMATICO DEL 2%, L´APPLICAZIONE DI UNO STOP LOSS POTREBBE CONFONDERE GLI ISPETTORI, PERCHE´CHI GIOCA CON VANTAGGIO NON HA INTERESSE A SMETTERE DI GIOCARE, ANCHE SE STA MOMENTANEAMENTE IN PASSIVO.
SE IL GIOCATORE DI ROULETTE CHE APPLICA UN SISTEMA PERDE SOLO UNA PARTE DEL CAPITALE, MA LE EVENTUALI PERDITE SONO LARGAMENTE COMPENSATE DALLE VINCITE, HA RISOLTO IL PROBLEMA: TUTTO QUESTO POTRAI SAPERLO SOLO CON UN TEST INFORMATICO MOLTO LUNGO E MINUZIOSO.
CIAO!

Terza mail.
SE IL PROFESSIONISTA HA INTENZIONE DI FREQUENTARE LO STESSO CASINO´ PER UN CERTO PERIODO DI TEMPO (PER ESEMPIO, 2 SETTIMANE DI SEGUITO), POTREBBE DECIDERE DI USCIRE QUALCHE GIORNO DAL CASINO´ IN PERDITA, O IN VINCITA DI POCO, COME SE AVESSE DECISO DI NON VOLER PERDERE CIFRE MAGGIORI, O COME SE FOSSE CONTENTO DI AVER VINTO QUALCOSA: ENTRAMBI I COMPORTAMENTI SONO TIPICI DEL GIOCATORE OCCASIONALE.
NON E´DETTO CHE RECUPERI IL TUTTO SUBITO IL GIORNO DOPO, PERCHE´ LE PERDITE POSSONO SUSSEGUIRSI, MA,SE CONTINUA IL SUO GIOCO, VINCERA´SICURAMENTE SUL LUNGO TERMINE, PERCHE´ GIOCA CON UN VANTAGGIO MATEMATICO.
IN PRATICA, UN GIOCATORE DI ROULETTE, A PARTE QUALCHE GIORNATA DI VINCITA, DOVRA´ INEVITABILMENTE PERDERE IL SUO CAPITALE SUL LUNGO TERMINE, MENTRE IL PROFESSIONISTA DI BLACK JACK VINCERA´ SICURAMENTE.
CIAO!

In pratica sembra che il professionista al B.J. se vuole non perde mai una sessione di gioco. Se lo fa è solo per gettare "fumo negli occhi" agli ispettori che lo devono considerare come un giocatore occasionale.

Però alla fine ritorniamo al punto di partenza perchè, se il professionista perde un giorno (sia pur volutamente) e poi può impiegare un paio di giorni al recupero, il paragone con il sistemista di roulette che con le molteplici partite vincenti recupera la rara partita perdente, dovrebbe essere giusto, almeno in questo caso. Che lo faccia volutamente o che gli succeda temporaneamente nella stessa sessione, egli impiega più partite per arrivare all'utile datogli dal vantaggio che riesce a ottenere in alcune smazzate dove si realizza la condizione. Quindi il professionista al B.J. ha due "momenti di attività":
1) La partita: che può essere favorevole o non favorevole al suo attacco importante con puntate di massa adeguata.
2) La manovra finanziaria: con la quale impegna piccole masse nei momenti non favorevoli e masse adeguate in quelli favorevoli in cui è maturato il suo vantaggio sul banco.
In pratica presumo che il professionista subirà molte partite perdenti a piccole masse e poche partite vincenti a masse più grandi. Non contiamo la perdita voluta di una giornata perchè è solo un comportamento che non modifica i suoi "momenti di attività".

Ma tutto questo, mi pare, non corregge il paragone fatto nel precedente post. Come il professionista di B.J. ha partite senza vantaggio (che potrebbe anche fare a meno di giocare) che gioca a piccole masse con risultati incerti, così il nostro sistemista di roulette ha qualche sporadica partita perdente nella moltitudine di partite vincenti. Naturalmente la partita perdente del sistemista non deve rimangiarsi cento utili delle vincenti perchè non ci sarebbero più le proporzioni. Forse è un paragone "tirato per i capelli", ma mi pare che entrambi raggiungano un utile frammisto a perdite e quindi ve l'ho proposto così.

Per quanto riguarda il precedente SISTEMA ZANTIFLORE, ho ricevuto questa mail dal testatore. Riguarda il solo gioco verticale.

Ti allego un ultimo test fatto su una simulazione di 40mila colpi circa e l'utile è del 5%. La cassa non è mai andata in negativo ma ha subito anche un movimento di oltre 1200pz, lo puoi vedere sul grafico che devi sempre leggere da destra verso sinistra e noterai il picco centrale che scende fino a 500pz.  


Questo è il caso in cui a una moltitudine di partite vincenti se ne frappongono alcune che necessitano di una cassa di una certa importanza. Ad ogni modo il gioco si presta a diversi tipi di attacco dei quali richiamo l'attenzione sul gioco orizzontale.

Nel sistema si andava alla caccia del filotto di 3 chiusure orizzontali e della terza chiusura verticale. Ebbene, da alcuni giorni occupo il tempo che ci vuole per costruire la partenza ottimale dell'ultimo sistema creato (non quello in questione), con un attacco su tutte le aperture orizzontali. Aspetto una partenza ottimale di almeno 9 spin e poi gioco su tutte le aperture presenti aggiungendoci quelle che si aprono durante il gioco. Vado a 3 vincite (chiusure) che nel giro di 24 30 spin ci sono sempre. Naturalmente al primo utile mi fermo e riparto da capo senza completare le tre vincite e senza risalite. Il problema è il tempo concesso tra uno spin e l'altro perchè ad ogni incasso quel settore va escluso e, se non si è in utile, si deve ricostruire le restanti puntate che nei momenti difficili possono comprendere una quindicina di numeri. Giocare quindi con un tempo di puntata inferiore agli 80 secondi, è a lungo andare un suicidio. Un altro pericolo è l'eventualità di un calore dei settori eliminati, e la contemporanea sortita di numeri appartenenti a settori non ancora aperti. Questo ci obbliga a continue puntate su settori che non si modificano durante questo tempo. Si può anche mitigare la scalata della montante mediante le iniziali puntate allargate dove, invece di puntare subito i pieni, si può partire puntado le Sestine dei settori aperti, per poi passare ai cavalli e poi ai pieni. Il procedimento già lo conoscete. Si incassa di meno ma inizialmente, con l'impiego degli stessi pezzi, si includono numeri che non avrebbero dato la vincita con il gioco base. La scelta di come procedere è vostra, ma comunque sappiate che in 36 spin i sei settori chiudono sempre e che uno non chiuda può capitare una volta su centinaia di partite. In ogni caso non si deve ricercare ulteriori chiusure dopo la terza perchè si avrebbero 18 numeri a favore e 18 contro. Come si può incontrare un filotto di 20 Passe o Manque, così si può incontrare un filotto di 20 numeri facenti parte dei tre settori esclusi in seguito alla loro chiusura.

A parte questi pericoli il gioco può dare molto, specialmente se l'andamento del tavolo è normale nel coinvolgimento dei sei settori. Non è un gioco che abbia una forte caratteristica statistica ma, come ho detto, può rendere molto. E' un gioco che non ha la pretesa di sistema, ma solo di divertimento con grandi possibilità. Se avete un po' di tempo provatelo e ne resterete soddisfatti.

NUOVA CORREZIONE
Sembra che anche il professionista di B.J. possa trovare giornate interamente perdenti, che però recupera nei giorni successivi quando trova la maturazione del suo vantaggio. A questo punto il paragone del precedente post era corretto. Evidentemente fra me e il mio amico non ci intendiamo molto bene.



Vai al Sito.

Se uno va al Casinò una volta nella vita, può essere fortunato. Se ci va con una certa regolarità, per lui la fortuna non esiste.
(Compra Italiano; proteggi il tuo Paese e i tuoi figli)




04/06/15

L'INTERVENTO UMANO

Credo che al mondo ci siano due modi di avvicinarsi alla roulette con un gioco che non sia casuale.

Del primo fanno parte tutte quelle persone che pretendono che il gioco vincente sia comprovato da test informatici su una quantità esauriente di spin. Due o tre milioni di spin, dieci milioni ancora meglio, saranno in grado di dirti se il gioco regge: se è vincente o perdente. Se dopo duecento mila spin trovi una partita perdente, il gioco stesso è perdente e non merita di essere giocato.

La cosa è strana perché quando i contatori di carte al Black Jack restavano in passivo anche per una settimana, proseguivano il loro gioco perché sapevano che il vantaggio che avevano li avrebbe portati in utile. Allora, che differenza c’è fra il loro gioco e il gioco di un sistema che regge per duecento mila spin e poi perde una partita?

Forse può capitare che invece di scadere ogni duecento mila spin, le partite perdenti alla roulette si avvicinino fra loro per due, tre, quattro volte consecutive causando così uno scoperto irrecuperabile?

Ma tutto ciò, non può accadere anche al giocatore di Black Jack?

Come il contatore di carte al Black Jack si crea una percentuale di vantaggio sul banco, così il giocatore di roulette ha un vantaggio di una quantità di partite vincenti rispetto alle perdenti e quindi, qual è la differenza? Se entrambi non procedono a “riduzione logica”, non hanno entrambi le stesse probabilità di recuperare lo scoperto e raggiungere l’utile?

INVECE NO!!!... Sembra proprio che se il gioco alla roulette non regge per almeno tre milioni di spin (minimo richiesto), sia un gioco perdente.

Il fatto è che i test non dispongono dell’intervento umano e quindi salteranno sempre tutti. E’ chiaro che per ogni gioco alla roulette c’è il suo “dritto” e il suo “rovescio”. Per quanti scarti di vantaggio ti prendi, ci sarà sempre lo scarto che supera il tuo limite, che non potrà essere portato all’estremo perché altrimenti giocheresti una volta ogni tre mesi (cifra a caso). Vorrei sapere chi avrebbe una simile costanza. Naturalmente questo è il mio pensiero e posso essere all’oscuro di realtà che superano i tre milioni di spin. Queste realtà dovrebbero però essere sempre vincenti entro i massimi del tavolo perchè, se ammettono partite perdenti, ritorniamo al punto di partenza con il paragone del giocatore di Black Jack.

D’altro canto sembra ci siano anche sistemi che reggono per tre miliardi di spin (random) ma che necessitano di una cassa che arriva a ventimila pezzi. Anche qui credo che non ci sia una conduzione a “riduzione logica” perché con i massimali del tavolo sarebbe un gioco insostenibile e i ventimila pezzi non servirebbero a niente. Certo se trovi una partita perdente ogni due miliardi di spin, diventa una questione molto favorevole sulla frequenza delle partite vincenti. Questo però è l’estremo sulla ricerca di un gioco che vinca costantemente su 2-3 milioni di spin e credo che una tale ricerca sia destinata a fallire dichiarando tutti perdenti quei giochi che non riescono a superarli. Ma se dopo 2-3 milioni di spin e nonostante 2-3 partite perse, sei in vincita? Come la mettiamo? Il gioco è valido oppure no? Vale o no la pena di ricorrere agli “stop loss” compensati da centinaia di partite vincenti? In fin dei conti è quello che facevano gli speculatori al Black Jack.

Del secondo modo di avvicinarsi alla roulette fanno parte quei giocatori che non si affidano a un sistema puro e semplice che regga per milioni di spin. Essi sanno che a lungo andare la casualità della roulette produce la permanenza contraria e quindi intervengono sul gioco adattandosi al momento contingente.

Giorni fa parlavo al telefono con uno di questi giocatori e mi assicurava che da lungo tempo è in vincita costante e a quanto ho sentito, non di poco. Lui controlla i totem dei tavoli in sala e sceglie quello che gli da la condizione per iniziare il suo gioco. Ha un sistema che gli dice cosa, quando e quanto puntare e la vincita finale è solo una questione di sostenibilità perché anche lui trova le sue partite difficili. E’ fermamente convinto che chi cerca un sistema che regga per milioni di spin non arriverà mai a nulla perché le permanenze della roulette sono infinite e ogni attacco ha le sue regole che si adattano al momento. Se uno trova un gioco lineare che regge milioni di spin, tanto meglio per lui, ma se qualcuno c’è, credo si tratti di eccezionalità molto rare.

Sono convinto che il gioco che sto ultimamente scrivendo reggerà anche a cinque miliardi di spin, tuttavia, quando lo gioco resto sempre prudente. Aspetto sempre la partenza ottimale e molte volte vedo le vincite passare senza averle puntate perché è troppo presto. Come regola mi fermo sempre alla prima vincita e vedo che se fossi andato avanti nella partita avrei fatto altre due o tre vincite nel giro di pochi spin. Quando la prima vincita ritarda, vado a ulteriori chiusure con lo scopo di non aumentare le puntate per pieno oltre i 3-4 pezzi. Tanto, su una media di 12 chiusure, non c’è pericolo di restare a secco di incassi. Posso anche scegliere su quali settori fare gli aumenti e quali mantenere a quota 1.

Tutto questo è un intervento umano di cui la macchina non può avvalersi perché è un comportamento che dipende dal momento; dall’evoluzione della permanenza; da un andamento che non è sempre uguale, per cui bisogna adattarsi.

Tutto questo lo faccio non perché altrimenti il gioco perderebbe. Lo faccio solo per limitare il più possibile una scalata di montante che non ha mai superato i 5 pezzi per pieno. La contropartita è il mancato incasso di centinaia di pezzi, ma in cambio ho una tranquillità mai provata prima. Ormai gioco senza emozioni, sapendo che la mia sessione di gioco terminerà con una vincita di 70-100 pezzi; e questo si realizza regolarmente ogni giorno.

Sono sicuro che qualsiasi test sarà fatto su questo gioco non darà che un solo risultato: la vincita costante con un impegno finanziario che, presumo, nella partita più difficile in cinque miliardi di spin non supererà i 10 pezzi per pieno a riduzione logica. Saranno contenti quelli del primo gruppo. Questa è una mia convinzione (e anche speranza) tutta da verificare non appena troverò il testatore adatto. Lo cercherò a Verona in modo di avere un contatto diretto con lui e non dover attendere la disponibilità di persone impegnate familiarmente e lavorativamente. Spero di trovarlo.

Il bello è che il gioco si basa su quella Legge del terzo che molti matematici e molti emulatori cerebro limitati dicono non esistere. Salvo poi prendere spunto da scarti negativi o positivi, o altre situazioni che altro non sono se non effetti di questa Legge.

La Legge del terzo funziona alla grande, ma tutto dipende dal come prenderla. Non credo si possa dare una spiegazione matematica del perché si “becchino” così facilmente i numeri giocati, ma ciò avviene, e a volte sembra impossibile anche a me che ho creato il gioco. Le ragioni del perché vinco le posso intuire, ma per il momento non saprei dare una spiegazione matematica. Quando allargamenti e calori (complementarità) si amalgamano in un tutt’uno di vincente, è difficile trovare una spiegazione, ma il risultato finale è costante e molto stabile.



Vai al Sito.

Se uno va al Casinò una volta nella vita, può essere fortunato. Se ci va con una certa regolarità, per lui la fortuna non esiste.
(Compra Italiano; proteggi il tuo Paese e i tuoi figli)